TEATRò

Andare a teatro è il modo migliore per gustarsi un’opera teatrale.

Eppure tutti noi conosciamo certamente una serie di opere teatrali anche senza averle mai viste messe in scena: i classici li abbiamo studiati sui libri di scuola e altri li abbiamo letti magari per pura curiosità. Leggere un testo teatrale è certamente un’esperienza che richiede sforzi non triviali, non è come decifrare un pezzo di letteratura che è fatto apposta per essere letto. Il copione parte da un punto di vista diverso: è fatto apposta per essere interpretato; con dialoghi tra personaggi, descrizioni tecniche, a volte un po’ pedanti, per identificare il climax; intere parti scritte lasciate alla libera interpretazione di colui che dovrà rappresentarle. E poi ambiente, luci, movimenti, intenzioni, battute, pause, ritmo che talvolta, nella lettura si perde proprio perché non si tiene conto dell’interpretazione.

Sarà forse per queste oggettive difficoltà che AtbEdizioni ha avviato un progetto volto a far conoscere dei testi letterari come se fossero veri e propri libri.

D’altra parte ha deciso di dedicarsi a far conoscere la poesia, la letteratura ergodica e il libro d’artista… perché non il teatro?

Ovviamente, al pari di quelli sopracitati, anche i testi teatrali sono testi letterari e leggerli ha il pregio di mettere in luce alcuni particolari aspetti a cui non avremmo fatto attenzione se avessimo visto lo spettacolo in scena: i diversi registri linguistici scelti dall'autore per i vari personaggi, i rimandi al contesto storico o ancora le citazioni letterarie di altre opere precedenti o contemporanee. Tutto questo, nel corso della rappresentazione, si amalgama e contribuisce a passare il messaggio dell'autore allo spettatore. Allo stesso tempo, però, i dettagli si perdono, perché non c'è il tempo di osservarli tutti. L’idea si concretizza partendo dal presupposto che spesso dai libri si traggono dei copioni per gli spettacoli (teatrali o cinematografici) e quindi deve essere possibile trarre dai copioni per gli spettacoli (teatrali o cinematografici) dei libri o dei racconti brevi.

L’idea si concretizza tenendo presente il presupposto di dinamicità del copione rispetto alla staticità del romanzo o del saggio che vivono prevalentemente sulla pagina scritta. Per questo abbiamo scelto di pubblicare opere letterarie in forma di copione dai quali abbiamo tratto veri e propri racconti: umoristici, surreali, tragici, drammatici, fantascientifici…

E pensate non siamo soli… diversi autori ci hanno seguito su questa strada verso la gloria … o il manicomio!

© 2019 by ATB Associazione culturale e galleria d'arte - C.F. 97794780011 Some Right Reserved

  • Facebook Icona sociale
  • Instagram Icona sociale
  • LinkedIn Icona sociale

Le immagini riprodotte in questo sito sono pubblicate nel rispetto delle disposizioni dell'art. 90 della legge 633/41 - il sito osserva le disposizioni del Regolamento UE 2016/679 in vigore dal  25/05/2018